Daniela Ceccarelli ospite a Chiomonte

Anteprima della XX edizione della rassegna Cinema in Verticale
organizzata in collaborazione con l'associazione L'Eigo y Cuento

Daniela-Ceccarelli-3ASPETTANDO LE OLIMPIADI DI PYEONGCHANG
con la campionessa olimpica DANIELA CECCARELLI

Venerdì 26 gennaio 2018 – ore 21:00
Teatro Cà Nostra – Via Giaglione 3, Chiomonte (TO)
Ingresso libero

Venerdì 26 gennaio alle ore 21 al Teatro Cà Nostra di Chiomonte si svolgerà "Aspettando le olimpiadi di Pyeongchang" con la campionessa olimpica Daniela Ceccarelli: le olimpiadi raccontate dalla campionessa olimpica, ora commentatrice televisiva e istruttrice nazionale di sci alpino.

L'evento è a ingresso libero e ed è una prestigiosa anteprima della XX edizione di "Cinema in Verticale", rassegna sul cinema e la cultura di montagna che viene organizzata dall'associazione Gruppo 33 di Condove come sezione del Valsusa Filmfest, festival sul recupero della memoria storica e sulla difesa dell'ambiente la cui XXII edizione si svolgerà ad aprile con bando di concorso ancora aperto sino al 15 marzo 2018 e tutte le informazioni reperibili nel sito www.valsusafilmfest.it. Questa anteprima viene organizzata con la preziosa collaborazione dell'associazione L'Eigo Y Cuento di Chiomonte.

 

DANIELA CECCARELLI

Originaria di Rocca Priora (Lazio), risiede in alta Valle di Susa, a Cesana Torinese.
Specialista delle discipline veloci, fa parte del Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato.
Ha esordito in Coppa del Mondo il 7 marzo 1996 con un ventunesimo posto nel supergigante di Kvitfjell in Norvegia. Dal 1998 è entrata a far parte stabilmente della nazionale italiana di sci alpino sino al 2010.
Ottenne il primo podio in Coppa del Mondo, un secondo posto, nel super gigante di St. Moritz del 22 dicembre 2001. Due mesi dopo, il 17 febbraio conquistò la medaglia d'oro in supergigante ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002.
Nell'edizione successiva di Torino 2006, si infortunò al ginocchio una settimana prima del grande appuntamento. Non volendo rinunciare all'emozione di correre le Olimpiadi in casa, strinse i denti e all'arrivo, se pur lontana dalla zona medaglie era comunque orgogliosa di aver accettato la sfida con se stessa e con i suoi limiti.
Ha partecipato a quattro edizioni dei Mondiali: 1999, 2001, 2003 e 2005.
Sempre nell'anno olimpico è diventata mamma di una bella bambina, Lara, e a soli 20 giorni dal parto era di nuovo in gara.
Nella stagione 2007-08 ci fu il suo grande ritorno nelle top ten, il titolo di "mammina volante" fu un'altra battaglia vinta: quella contro i pregiudizi e le descriminazioni nei confronti delle atlete-mamme.
Nel 2008 la scelta di crearsi un team famigliare e di girare tutto il circuito di Coppa del Mondo a bordo del suo Maxi Motorhome, imitando gli zingari americani del circo bianco: Bode Miller e Julia Mancuso.
Ma nel 2010 l'ennesimo infortunio le precluse ogni possibilità di qualifica per le Olimpiadi di Vancouver.
Scelta sofferta, quella del ritiro, affrontato comunque con la serenità di aver dato e ricevuto molto da questa grande passione di una vita... passione che continua, dato che proprio in occasione delle scorse Olimpiadi canadesi, è iniziata per lei un'altra nuova avventura come commentatrice tecnica televisiva.
Un modo diverso di continuare a vivere lo sci...
Ora di nuovo in tour, con famiglia a seguito, sempre a bordo del suo mega mezzo, nelle tappe di Coppa del Mondo, come reporter, commentando le ricognizioni, le gare e intervistando gli atleti più forti e tendenziali in contesti di back stage.
Oltre all'attività giornalistica, lungi dall'appendere gli sci al chiodo, dopo aver conseguito tutte le specializzazioni relative all'insegnamento di questo sport, ha ideato insieme a suo marito Alessandro (Istruttore Nazionale e Allenatore Federale) una scuola itinerante con la quale promuovere lo sci agonistico anche a principianti ma anche stage Intensivi per livelli.