VINCITORI CONCORSO XX VALSUSA FILMFEST

CONCORSO VIDEOCLIP MUSICALI

Referente Giorgio Pesando

Istituto Ferrante Aporti Torino
La giuria formata dagli allievi e docenti del laboratorio multimediale dell'IPM Ferrante Aporti, gestito da Forcoop Agenzia Formativa, hanno segnalato:
1) Non mi dimenticherò - Maak - di Matteo Rocchi (Moncalieri –Torino)
2) Cooking breakfast for the one I love – Mauro Ottolini Sousaphonix - di Hermes Mangialardo (Copertino – Lecce)
3) California - Mad Shepherd – di Marco Gallo (Roma)

 Carcere di Solliciano Firenze
In collaborazione con l'Associazione Pantagruel e con gli studenti della scuola del CPIA Firenze1 e del corso di scrittura creativa la giuria della C.C (composta da persone italiane e non italiane) segnala:
1) News – Wicked E xpectation - di Tommaso Iuliano (Milano)
Motivazione: il messaggio che manda è chiaro. E' un video legato alla realtà. Una realtà che non riusciamo a vedere a causa della vita reclusa in cui viviamo. E forse, come nel video, anche noi aspettiamo qualcosa che ci svegli.

Giuria Sezione Videoclip Condove
Composta da: Piero Boccaccio, Francesco Sgobba e Martino Vergnano.
1) "Non mi dimenticherò" – Maak - di Matteo Rocchi (Moncalieri – Torino)
Motivazione: Pezzo incisivo nel testo e nella ritmica. Video ed editing interessanti, con immagini che riescono a legarsi ammirevolmente al testo della canzone, amplificandone la portata concettuale. Girato per le strade di Torino con basso budget ma grande inventiva. Un piccolo gioiello di genuina originalità: difficile chiedere di più ad una produzione indipendente. Da vedere e ricordare.

 

CONCORSO FARE MEMORIA
a cura del gruppo di lavoro ANPI Condove/Caprie

1) "Gemma di Maggio" di Giuliano Giacomelli e Lorenzo Giovenga (Isola del Liri – Frosinone)
Motivazione: Per la scelta di far conoscere, in modo tecnicamente ineccepibile e con emozioni forti e sconvolgenti, la storia delle "marocchinate", verità tanto breve quanto violenta, ai più sconosciuta e spesso taciuta "dai vincitori". Un film in memoria delle vittime della Storia.

Menzioni Speciali:
1) "Il sarto dei Tedeschi" di Antonio Losito (Roma)
Per la storia che, trattata con crudele semplicità e a tratti ironia, fornisce uno spaccato spietato e realistico della guerra, durante la quale molti italiani dovettero compiere scelte obbligate, pur sapendo quale fosse "la parte giusta".
2) "XII 8 44" di Diego Bonuccelli (Pietrasanta – Lucca)
Per l'originale montaggio che ha consentito di trasporre in un film moderno una vicenda di 70 anni fa, narrata attraverso continui ed inquietanti flash back, anche grazie all'uso di emozionanti effetti speciali. Perché ci sono verità che neanche il tempo riesce a scalfire.

 

CONCORSO CORTOMETRAGGI
Referente Daniele Croce

Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli
1) "Acabo de tener un sueño (Ho appena fatto un sogno)" di Javi Navarro (Museros – Spagna)
Motivazione: Un'idea originale, sceneggiata in modo semplice ma efficace, che mostra quanto sia determinante guardare il mondo da un differente punto di vista: le cose della vita acquistano un senso nuovo, spesso diverso e le esperienze modificano la percezione della realtà.
2) "TSO: la salute mentale in manette" di Renzo Pierantoni (Sant'Ambrogio – Torino)
3) "Il nostro piccolo segreto" di Franco Montanaro (Bologna)

Casa Circondariale Rodolfo Moranti di Fossano (Cuneo)
Giuria esterna: Silvana Fagnani, Anna Floris, Elisabetta Jannon, Stefano D'Errico, Margherita Petrillo, Carlo Ravetto e giuria interna.
1) "Acabo de tener un sueño (ho appena fatto un sogno)" di Javi Navarro (Museros – Spagna)
Motivazione: In tempi contenuti e con una scelta veritiera, precisa il film ci invita ad andare oltre il pregiudizio: le zioni della quotidianità assumono valore diverso a seconda delle situazioni di provenienza.

Giuria Sezione Cortometraggi Condove
Composta da: Federico Alotto, Anna Olivero e Marco Scoffone
1) "My awesome sonorous life" di Giordano Torreggiani (Terni)
Motivazione: Poetico, di realizzazione semplice ma efficace. Dà un senso di serenità e profondità d'animo.
2) "Acabo de tener un sueño (Ho appena fatto un sogno)" di Javi Navarro (Museros – Spagna)
Motivazione: Intenso, per aver saputo affrontare un tema frequentemente trattato con delicatezza e originalità.
3) Menzione Speciale "Helena" di Nicola Sorcinelli (San Costanzo - Pesaro Urbino)
Motivazione: Per la fotografia perfetta, l'ottimo montaggio e per la cura dei dettagli.

 

CONCORSO LE ALPI
Referente Luigi Cantore. Giuria Sezione Sguardi sulle Alpi Condove Composta da: Marco Moschietto e Silvio Vair

CATEGORIA Sguardi sulle alpi
1) "K2 the invisible footmen" di Iara Lee (New York)
Motivazione: Per aver saputo sapientemente denunciare lo sfruttamento e la condizione degli sherpa pakistani, denuncia particolarmente significativa nell'anno delle celebrazioni della conquista del k2 da parte della spedizione italiana di cui faceva parte lo sherpa Mandi cui è dedicato il film che perse le dita dei piedi per congelamento dopo aver passato una notte intera con Walter Bonatti a 8000 metri. E infine x la capacità di aver saputo gestire un'elevata qualità delle riprese in condizioni ambientali difficili.
2) "Coming back home di Sandro Bozzolo (Viola – Cuneo)
Motivazione: Per l'originalità del soggetto e per aver saputo confrontare la vita di una pastora masai facendole raccontare la sua storia, i suoi tormenti e la condizione della donna nella società kenyota con quella di una pastora delle nostre valli.
3) Menzione Speciale: "Cento giorni in valle" di Armando Rege Ganas (Giaveno – Torino)
Motivazione: Per aver saputo raccontare la montagna, il nostro territorio e la vita dei nostri pastori.

CATEGORIA Sguardi giovani sulle alpi 
1) "Tarvisano hidden treasure" di Bruno Pisani (Gemona del Friuli – Udine)
Motivazione: Per l'uso della tecnica time lapse, per la fotografia e la scelta della musica.