6 aprile 2014 - Chi sono Gli abitanti delle Montagne nel XXI secolo?

domenica 6 aprile2014 – ore 17.00
Sala Consiliare del Comune di OULX (TO), Piazza Aldo Garambois 1 | evento gratuito

"Chi sono gli abitanti della Valle di Susa nel XXI secolo?"

L'associazione Dislivelli presenta i 'Nuovi montanari della Valle di Susa' con proiezione in anteprima del video "Montanari 3.0" e presentazione del libro "Nuovi montanari. Abitare le Alpi nel XXIesimo secolo"

Modera la serata Guido Novaria, giornalista de La Stampa di Torino
con interventi degli autori del libro Federica Corrado e Maurizio Dematteis,
di Luca Mercalli - Presidente della Società Metereologica Italiana
e di Paolo De Marchis - Sindaco di Oulx.

 

Domenica 6 aprile 2014 alle ore 17, presso la Sala consigliare del Comunedi Oulx (To), l'Associazione Dislivelli realizzerà il primo appuntamento di presentazione del proprio libro "Nuovi montanari. Abitare le Alpi nel XXI secolo" (Dislivelli/Franco Angeli Editore, 2014), risultato di due anni di ricerche sull'intero arco alpino italiano per fotografare l'attuale fenomeno di inversione di tendenza dello spopolamento nelle montagne italiane.
L'incontro sarà il primo di una serie di appuntamenti nelle valli alpine italiane da ovest a est, per restituire i risultati della ricerca e raccogliere i feedback dei diretti interessati. Modera la serata Guido Novaria, giornalista de La Stampa di Torino con interventi di Luca Mercalli, Presidente della Società Metereologica Italiana e di Paolo De Marchis, Sindaco di Oulx.
Nel corso dell'incontro verrà proiettato in anteprima il video 'Montanari 3.0' realizzato dall'associazione Dislivelli e l'evento potrà essere seguito in diretta twitter sul canale di Dislivelli


IV DI COPERTINA del libro "Nuovi montanari. Abitare le Alpi nel XXI secolo":
Chi sono i nuovi insediati nelle Alpi Italiane e quali sono i motivi che portano i soggetti a reinsediarsi in montagna? Partendo dalle indicazioni derivanti dalla letteratura nazionale e internazionale sul tema, l'Associazione Dislivelli, attraverso l'analisi di una serie di aree campione, individua alcune caratteristiche dei neo-montanari allo scopo di ricavare tipologie di insediati, di nuove attività e di località, definite in base ai fattori attrattivi e repulsivi, ai vantaggi, ai costi e alle difficoltà incontrate.
Partendo dai dati demografici rilevati attraverso fonti ufficiali a livello comunale per tutte le Alpi Italiane, sono state selezionate 35 realtà locali significative, distribuite su tutto l'arco alpino e raggruppate poi in dieci aree di studio, oggetto di sopralluoghi rivolti a rilevare aspetti quantitativi e qualitativi dei re-insediati in montagna.
Le informazioni raccolte permettono una descrizione interpretativa del fenomeno sia sotto l'aspetto oggettivo dell'apporto dei nuovi insediati all'economia e alla vita sociale locale, sia sotto quello soggettivo delle motivazioni e delle valutazioni positive o negative delle scelte effettuate.
Oltre a contribuire alla conoscenza generale di un fenomeno sempre più studiato a livello internazionale, le indagini raccolgono informazioni utili a supporto delle politiche di sviluppo e coesione della montagna.

 

I curatori del libro:
Federica Corrado, ricercatrice in Tecnica e pianificazione urbanistica al Politecnico di Torino. Si occupa di strumenti e politiche territoriali per lo sviluppo locale con particolare attenzione al contesto alpino. E' responsabile dell'Area Ricerca dell'Associazione Dislivelli. E' membro del Comitato di redazione della Revue de Geographie Alpine/Journal of Alpine Research.
Giuseppe Dematteis, professore emerito di Geografia urbana e regionale al Politecnico di Torino, è autore di innumerevoli studi e ricerche che spaziano dall'ambito urbano a quello alpino contemporaneo. E' Presidente dell'Associazione Dislivelli.
Alberto Di Gioia, laureato e dottorato in pianificazione territoriale, è attualmente docente a contratto in analisi urbanistiche e territoriali con strumenti GIS presso il Politecnico di Torino. E' membro del Consiglio Direttivo dell'Associazione Dislivelli.

 

Luca Mercalli è conosciuto al grande pubblico per la sua partecipazione alla trasmissione televisiva "Che tempo che fa", condotta su Rai 3 da Fabio Fazio. È un climatologo, presiede la Società Meteorologica Italiana, dirige la rivista specializzata Nimbus, si occupa di ricerca sulla storia del clima e dei ghiacciai delle Alpi e dal 2003 fa parte del cast di TGR Montagne (Rai2). Ha pubblicato oltre 1000 articoli soprattutto su La Repubblica e su La Stampa. Ha al suo attivo un migliaio di conferenze e lezioni, in Italia e all'estero, ed ha anche avuto il tempo di scrivere libri, tra cui recentemente: "Filosofia delle nuvole", "Che tempo che farà" e "Prepariamoci", edito da Chiarelettere e che presenterà nel corso della serata.