26 aprile Premio Carli alle Mamme della Terra dei Fuochi, Sandro Ruotolo e Andrea Segre

sabato 26 aprile 2014
Cinema Comunale, piazza del Municipio – CONDOVE  |  Ingresso gratuito

Consegna del Premio Bruno Carli alle Mamme della Terra dei Fuochi 
con intervento del giornalista Sandro Ruotolo, 
incontro con Andrea Segre e proiezione del suo film "Indebito", 
premiazione delle opere vincitrici dei concorsi Valsusa Filmfest


PROGRAMMA DELLA GIORNATA

  • Ore 17:00 a VILLAR FOCCHIARDO - Palestrina
    Consegna del Premio Bruno Carli a Concetta Zaccaria e Marzia Caccioppoli del movimento civile che in Campania invoca la bonifica della Terra dei Fuochi. Sarà presente Sandro Ruotolo e verranno presentati alcuni brevi filmati
  • Ore 21:00 ad AVIGLIANA - Teatro Fassino, Via IV Novembre 19
    Incontro con Andrea Segre e proiezione del suo film "Indebito". A seguire Premiazione opere vincitrici del XVI concorso Valsusa Filmfest

premio.Bruno.Carli.2014.mamme.terra.fuochi.ldSabato 26 aprile sarà un'altra giornata ricca di proposte all'interno del XVIII Valsusa Filmfest con la Consegna del Premio Bruno Carli alle Mamme della Terra dei Fuochi, evento al quale parteciperà anceh il giornalista Sandro Ruotolo, l'incontro con Andrea Segre e la proiezione del suo film "Indebito" e la premiazione delle opere vincitrici dei concorsi Valsusa Filmfest



Ore 17:00 a VILLAR FOCCHIARDO – Palestrina di Via Cappella delle Vigne

Premio Bruno Carli alle Mamme della Terra dei Fuochi con intervento di Sandro Ruotolo
Alle ore 17:00 a Villar Focchiardo verrà consegnato il Premio Bruno Carli a Giulia Angelini, Marzia Caccioppoli e Tina Zaccaria, tre mamme della Terra dei Fuochi e fondatrici dell'associazione 'Noi Genitori di Tutti".
Elena Masoni e Maurizio Piccione, curatori del Premio, motivano così la scelta:
Giulia, Marzia e Tina sono le tre mamme che abbiamo l'onore di ospitare. Protagoniste loro malgrado di storie forti e tragiche; fondano l'associazione "Noi Genitori di Tutti". In comune il dolore sovrumano di avere un figlio in cielo. Bambini diventati angeli troppo in fretta, fiori recisi dal cancro in una terra devastata dallo smaltimento illegale di rifiuti industriali. Insieme hanno deciso di dedicarsi alla denuncia di quanto accade, ed è continuato ad accadere per trent'anni, e di adoperarsi a tutela dei bambini che vivono in Campania difendendo l'ambiente e il diritto alla vita.
Sandro.RuotoloParteciperà all'evento anche Sandro Ruotolo, noto giornalista che dal 1988 collabora con Michele Santoro e che si è visto assegna nella sua carriera numerosi e prestigiosi premi giornalistici. Lo scorso dicembre Ruotolo ha curato per la trasmissione "Servizio Pubblico" di La7 uno speciale intitolato "Inferno Atomico" sulla Terra dei Fuochi e sui tanti bambini morti di tumore a causa dei rifiuti tossici sepolti in Campania. Sandro Ruotolo ha incontrato in quella occasione alcune mamme di questi bambini, mamme che si sono organizzate per evitare che cali il silenzio sulla vicenda chiedendo giustizia per il futuro di quelli che verranno.
Il Premio Bruno Carli è un riconoscimento che ogni anno il Filmfest dedica ad esponenti che operano, o hanno operato, in modo significativo sul territorio promuovendo temi legati ai diritti civili, alla pace, alla solidarietà, alla sostenibilità ambientale e che si sono distinte nella promozione di buone pratiche e nuovi stili di vita. Il Valsusa Filmfest intende con questo premio ricordare in modo concreto la figura di Bruno Carli (Trieste 1927- Torino 2002), un grande partigiano, fondatore del Valsusa Filmfest e uomo molto amato in Valle di Susa, in particolare dai giovani, per il suo spiccato senso dell'ironia e per la sua grande capacità comunicativa.



Ore 21:00 ad AVIGLIANA - Teatro Fassino, Via IV Novembre 19

Incontro con Andrea Segre e proiezione del suo film "Indebito".
Andrea Segre presenterà il 26 aprile ad Avigliana, prima delle premiazioni delle opere vincitrici del Concorso, il suo film 'Indebito', un intenso viaggio nella Grecia della crisi attraverso le taverne di Atene e Salonicco, con soggetto e sceneggiature scritti insieme a Vinicio Capossela. Di Andrea Segre è stato anche presentato il film 'La Prima Neve', in proiezione riservata alle scuole il 15 aprile sempre ad Avigliana.

26apr.Indebito.AndreaSegreScheda del Film

Regia: Andrea Segre | Anno di produzione: 2013
Durata: 84' | Tipologia: documentario | Genere: biografico/musicale/sociale
Paese: Italia | Produzione: Jolefilm, La Cupa srl; in collaborazione con Rai Cinema

Sinossi: La crisi di oggi prima che economica è identitaria. È separazione, disorientamento. Le culture europee sono state svendute all'omologazione del consumo e alla corsa alla ricchezza. Ci hanno fatto credere che la liberazione dalla povertà materiale dovesse coincidere con la fuga da se stessi. Vivere oggi di nuovo la povertà senza se stessi è una vertigine insostenibile. Questo documentario è un tempo dedicato ad ascoltare l'assenza di noi stessi. È la consapevolezza di vivere in-debito di aria, di senso, di prospettiva. Per farlo gli autori hanno vagato come flaneur, come viandanti nel luogo simbolo della crisi, la Grecia indebitata: seguendo le parole, i pensieri e la musica dei rebetes, i cantanti del rebetiko, il blues ellenico. Il rebetiko è musica nata dalla disperazione di un'antica crisi (la fuga da Smirne) ed è una delle musiche che hanno costruito l'identità moderna della Grecia, trasportando con sé il dolore dell'esilio e la ribellione alle violenze della storia. È una musica contro il potere, non autorizzata, indebita. I rebetes sono portatori di questa identità, di cui oggi celebrano un funerale pieno di sconfitta, disperata ribellione e silenziosa speranza. I loro concerti e le loro parole riempiono le taverne notturne di Atene e Salonicco, sfiorano le scritte sui muri, ascoltano il mare dei porti e incontrano il cammino di Vinicio Capossela, musicista e viandante che intreccia le sue note con i pensieri del suo diario di viaggio, il tefteri. Così la Grecia diventa l'Europa, la sua crisi la nostra e il rebetiko il canto vivo di un'indebita e disperata speranza.

15apr.LaPrimaNeve.AndreaSegre.sul.setAndrea Segre, nato a Dolo (Venezia) nel 1976, esordisce con alcune importanti esperienze televisive, realizzando, tra gli altri, i documentari Berlino 1989-1999: il muro nella testa (trasmesso nel novembre '99 – RAI3) e Pescatori a Chioggia per la trasmissione Diario Italiano (in onda nel settembre 2001 – RAI3). A partire dal 2001, si avvicina al documentario d'autore e al movimento dei documentaristi italiani, dal gruppo di Doc.it all'esperienza dell'Apollo11, passando per decine di importanti realtà nazionali ed europee. Ha sviluppato un percorso registico particolarmente attento al territorio sociale e geografico del Veneto, specialmente nei documentari Pescatori a Chioggia, Marghera Canale Nord e La mal'ombra. Inoltre, dottore di ricerca insociologia della comunicazione presso l'Università di Bologna, porta avanti l'interesse per i temi delle migrazioni ve rso l'Europa (Come un uomo sulla terra, A sud di Lampedusa, A meta, Mare chiuso) e da diversi anni collabora a progetti di cooperazione internazionale. Nel 2010 dirige il suo primo lungometraggio di finzione, Io sono Li, che viene presentato in numerosi festival internazionali conseguendo molti riconoscimenti, tra cui il Premio LUX 2012 del Parlamento Europeo, ed e distribuito in oltre 30 paesi. La Prima neve e il suo secondo lungometraggio. E fondatore dell'associazione ZaLab. Filmografia
FILMOGRAFIA:
La prima neve (lungometraggio, 2013), Indebito (documentario, 2013), Mare chiuso (documentario 2012), Io sono Li (lungometraggio, 2011), Il sangue verde (documentario, 2010), Magari le cose cambiano (documentario,2009), Come un uomo sulla terra(documentario,2008), La mal'fombra(documentario, 2007), A sud di Lampedusa (documentario, 2006), Dio era un musicista (documentario,2004), Marghera Canale Nord (documentario,2003).